Posts Tagged With: Islam

“Muslim Women” and Gender Inequality in Australia’s Assimilationist-Multicultural Policies. Participation in Sport as a Case Study

Published on “About Gender” 6 (11), 2017: 324-353.

Available online at: http://www.aboutgender.unige.it/index.php/generis/article/view/383

Abstract

When talking about Islam, the “religionization” of subjects – in particular female subjects – becomes the primary analytical tool to describe power relations within cultural groups and in multicultural societies. Likewise, religionization is widely employed in neoliberal western societies to discuss the very identity and human rights of Muslim women in relation to citizenship and migration policies. In the capacity of minority-group members, Muslim women are hardly ever addressed as fully developed agents of change and self-enfranchisement. Moreover, they tend to be reified as an aprioristically self-standing sociological category and instrument of scientific inquiry. The Australian case provides an exemplification of how both the monoculturalism of assimilationist policies adopted by several governmental mandates, and the over-celebrated multicultural policies allegedly ending racism, have ended up sanctioning the “ungovernability” of Muslims within Australian society (Hage 2011), by addressing gender inequality as an innate attribute of being a Muslim woman. In the aftermath of the 2005 Cronulla Riots, which more overtly showed the inter-ethnic conflicts of Sydney, the proposal of ending the gender inequality of “minority women” has been increasingly championed by campaigns grown in an ethnicized community environment. The article investigates – through semi-structured interviews – how Muslim women associations in Australia currently intend to approach gender inequality, and how female soccer players in two different Australian cities tell their identity work in relation to their decision of participating in sport. By fully embracing anthropologist Hage’s argument (2011), this paper confirms, first, that the antithesis between assimilationist and multicultural views is actually a false issue, in that assimilationist policies still reside at the heart of multicultural governance; second, that the antagonistic binary between “liberal host societies” and “oppressive minority cultures” is misleading, since female players’ access to Australian official matches is in practice denied by government policies rather than “minority community” culture.

Categories: Australia, Gender Equality, Islam, Sport, Uncategorized | Tags: , , , , , | Leave a comment

Religion is not Archeology (by Daniel Martin Varisco, March 2015)

Middle East Muddle

Unless you are hibernating without a cellphone or internet in Siberia, you have heard a lot about ISIS, a.k.a. the Islamic State in Iraq and Syria and its “IS”-related acronyms, in the news for the past year, even on Anthropology News.  People who thought the caliphate was something created for the Disney movie Aladdin have been confronted with bearded zealots brandishing kalashnikovs and waving black flags, chopping off heads for Youtube, burning a man in a cage, throwing gays to their death from a roof, raping women, and just about every horrific medieval act a sadistic horror movie might film for your neighborhood screen.  Only these scenarios are happening in real time to real people and generating real questions about the religion these individuals practice.   So what is the religion of a self-proclaimed caliph who is called al-Baghdadi or the Western convert rapper turned executioner Jihadi John.  Are they Muslims?  Are they really Muslims?  Is their Islam the trueIslam?

The ongoing debate over the semantic conundrum “Is ISIS Islamic?” or even “Is ISIS very Islamic?” brings up a wider point for reflection.  To the extent we isolate a concept like religion from the cultural context in which it is practiced and through which it has evolved, we fail to understand something about human behavior as such.  We humans and our primate ancestors are social animals; we have no choice but to get along with each other on some level, which gets more and more difficult the larger our numbers and groupings become.  Thus, it should not be a surprise, as both history and anthropology have shown in detail, that every social group, every society, every tribe, every people, every nation must have rules of behavior.  The glue that is essential for all groups at any level is what we often call morality, the rules and ideals of what is right or wrong, proper or improper.  No human society has ever been encountered, except in fiction, that does not have a moral order; our ape cousins share this essential glue, even if it does not seem to many people to have as much adhesive power.  If you think only humans are moral, listen to what Frans de Waal has to say before you read on.

Leonard Woolley, Photo Courtesy Wikimedia Commons
Leonard Woolley, Photo Courtesy Wikimedia Commons

Almost half a century ago the historian Marshall Hodgson proposed separating the religious faith of Islam with all its doctrinal trappings from the mundane cultural context in which it is practiced, the latter being the “Islamicate.”  This neologism, useful as it can be, never really caught on, but it points to the essential problem of having to decide what exactly should be considered religious.  The danger in such a dichotomy is that the religious faith is reduced to its textual tradition and ritual practices, while anything that looks political or cultural is something else.  This is first and foremost a semantic danger, the downside of inventing a term like religion that can fit a wide variety of social moral systems but has been filtered through the major surviving monotheisms.  Our intellectual father Edward Tylor recognized this in expanding the notion of religion to fit issues of belief and ritual that did not fit the prevailing view of either the dominant Christian view or enlightenment rational emphasis of his day.  Yet, the notion that what we label religion could be so integral to the overall social system that it cannot adequately be separated out haunts us to this day.

Let me propose a telling metaphor to help us begin to dig our way out of this whole problem.  Religion is not archaeology.  When we study something we call we religion, it is not the same as excavating a site and looking for the first settlement.  We should baulk at the belief that we can dig our way back through layers of recoverable textual interpretation and arrive at something that can be labeled authentic.  When it comes to religion, all history is fill.  No magical time machine will allow us to go back and talk to Moses, Jesus, Muhammad, St. Anselm, Al-Ghazali, Jonathan Edwards, the Mad Mullah or even Joseph Smith.  Even if we did have such an opportunity to do retro-ethnography, we would only be able to have a sense of what they said and did.  We can never reach a point at which the real, authentic or pure religion is found. The only real Islam, for example, is what someone thinks is real, because that sense of what we call religion is woven into the fabric of living a life.

To the extent that ISIS or the proudly fundamentalist Baptist church I grew up in claims it is going back to the practices of the time of Muhammad or Jesus, we need to apply the right dating technique.  Such claims are surface finds, usually made without a sound understanding of the limited knowledge we do have of the past and just as often challenged and refuted by other individuals in the same so-called religion.  The only thing real about anything we call a religion is what is being said and done in a specific social, cultural, political and economic context.  Just as there is extraordinary diversity of all these interrelated variables, there is no ultimate truth apart from what is ultimately in the minds of the person claiming truth.  So the next time someone tells you this is what a group like ISIS is, don’t throw up your hands in despair at their inhumane terrorism, don’t throw in the towel of our academic tool chest, and do take up the trowel to dig through the fill as fill.

Daniel Martin Varisco is President of the American Institute for Yemeni Studies.  He is Research Professor of Social Science at Qatar U.  Since 1978 he has conducted ethnographic and historical research in Yemen, Egypt and Qatar.  His latest book is Reading Orientalism: Said and the Unsaid (U of Washington Press, 2007).  He currently serves as editor of Contemporary Islam and Editor-in-Chief of CyberOrient (www.cyberorient.net).

Post navigation

Categories: Uncategorized | Tags: , , , | Leave a comment

L’appello di Padre Paolo e’ il nostro appello per lui: a un anno dal rapimento (July 2014)

Padre-Paolo-Dall-Oglio

L’appello di padre Paolo è il nostro appello per lui
DI REDAZIONE – 27 LUGLIO 2014
POSTATO IN: RIVOLTA 15 MARZO, SIRIA

http://www.sirialibano.com/siria-2/lappello-padre-paolo-dalloglio-appello-per.html

A un anno dal sequestro di padre Paolo Dall’Oglio, gesuita romano scomparso nel nord della Siria, abbiamo deciso di chiedere a tutti di auspicarne il rilascio rilanciando la sua petizione a Papa Francesco. Nella certezza che questa lettera contenga la riprova di tutto l’amore di padre Paolo per gli arabi cristiani e per le tutte le altre comunità con cui gli arabi cristiani da secoli convivono. Crediamo anche che con questa lettera si esprima al meglio la visione di padre Paolo di fronte all’enorme tragedia che, già prima del suo sequestro, si stava abbattendo su tutto il Medio Oriente. La catastrofe siriana è oggi accompagnata dall’attualità di altre tragedie che sconvolgono il Medio Oriente, da Gaza fino a Baghdad, che non si possono più leggere disgiuntamente.

Padre Paolo aveva visto l’ingiustizia con i suoi occhi in Siria. E in questo appello voleva ammonire tutti di fronte al pericolo reale che la strategia della violenza degli Asad avrebbe prodotto una reazione di violenza diretta, a catena. Padre Paolo sapeva che se la violenza degli Asad non fosse stata condannata e fermata in tempo, saremmo arrivati proprio dove siamo oggi.

Padre Paolo è stato sequestrato a Raqqa. Primo capoluogo di regione siriano a esser stato liberato dalla presenza del regime. Ma il regime si era ritirato deliberatamente, non era stato sconfitto militarmente. Raqqa è comunque diventata famosa per i promettenti risultati di autogestione locale. Ragazzi e ragazze, osservanti e non, ripulivano le strade e i muri, colorandoli. La popolazione manifestava in strada, chiedendo pubblicamente ai miliziani di andare al fronte e liberare la città dalla presenza delle armi.

Ritirandosi, il regime sapeva bene che avrebbe lasciato Raqqa alla mercé di qaedisti e jihadisti. Il regime conosceva meglio di altri il tumore dello Stato islamico. E anche padre Paolo sapeva quali fossero le minacce. Per questo si è recato a Raqqa prima che diventasse la capitale dei qaedisti. Prima che le donne, che prima coloravano i muri, fossero costrette a vestire di nero. Padre Paolo è andato a Raqqa da solo e nessuno ha sostenuto assieme a lui quelle donne, ora travestite da prefiche che piangono sotto le croci di “martiri” crocifissi dallo Stato islamico.

Padre Paolo non sapeva che di lì a breve lo avrebbero sequestrato. Ma ha avvertito l’urgenza di scrivere questo appello. Perché era certo che rimanere indifferente allo smantellamento di fatto degli Stati mediorientali avrebbe cancellato l’idea di cittadinanza, avvicinando anche l’estinzione delle comunità cristiane della regione. Un’estinzione inseparabile dalla marea umana di profughi, rifugiati, fuggiaschi disperati, per lo più musulmani sunniti, che oggi cercano di mettersi in salvo, lasciando l’area siro-irachena.

Quando padre Paolo è stato rapito la decomposizione del Medio Oriente non era ancor ben chiara a molti. Eppure lui aveva già compreso che la trappola dell’odio confessionale e la conseguente cacciata delle comunità siriane dalla pianura strategica dell’Oronte avrebbe comportato altre traumatiche pulizie confessionali.

Il mercenario del jihad, Abu Bakr al Baghdadi, si è quindi prestato al disegno di delegittimare la rivoluzione siriana dall’interno. Con la sua opera ispirata dal regime di Damasco, l’autoproclamato “Califfo Ibrahim” ha di fatto legittimato la pretesa di Bashar al Asad di essere “il baluardo contro il terrorismo”.

Poi è cominciato l’esodo biblico che, tra pochi, padre Paolo aveva denunciato. Lui già allora si dimostrava consapevole che quel disegno sarebbe inevitabilmente giunto alla sostituzione degli Stati con “aree omogenee”: una catena di bantustan. In questo Medio Oriente non ci sarebbe stato più posto per la cittadinanza e per la complessità sociale. E quindi neanche per gli arabi cristiani.

(Qui i link al testo della petizione in italiano, inglese, francese)

Categories: Syria | Tags: , , , , , | Leave a comment

Yazidis benefit from Kurdish autonomy in Northeast Syria

How Syria’s Yazidi community sees an opportunity to revive its identity on the tails of rising Kurdish power in the country’s northeast. 

Yazidis Benefit From Kurdish Gains in Northeast Syria

View of Yezidi temple in Lalish some 50 km north from Iraqi city of Mosul May 11, 2003. The Yezidi religion, seen by its followers as the original Kurdish faith, is believed to date back several thousand years and blends ideas from sources as diverse as Zoroastrianism, Islam and Christianity. REUTERS/Shamil Zhumatov REUTERS SZH/AS - RTRNBQ2

View of Yezidi temple in Lalish some 50 km north from Iraqi city of
Mosul May 11, 2003. The Yezidi religion, seen by its followers as the
original Kurdish faith, is believed to date back several thousand years
and blends ideas from sources as diverse as Zoroastrianism, Islam and
Christianity. REUTERS/Shamil Zhumatov REUTERS
SZH/AS – RTRNBQ2

AMUDA, Syria — “Some years ago I tried to open a bus company and call it Roj, which in Kurdish means sun,” said Adnan Ammo, a 50-year-old farmer from Merkeb. “I was summoned by political security for a suspected connection with Roj TV [one of the satellite channels affiliated to the Kurdistan Workers’ Party (PKK)]. Even after I explained to them that I am Yazidi and we venerate the sun, they forced me to change the name. I proposed Judi, the name of my son, but that was rejected too, as it’s a Kurdish name. In the end we had to shut down the activity.”

The followers of the Yazidi religion have been historically discriminated against on both ethnic and religious grounds, being part of a Kurdish pre-Islamic sect. The Yazidi faith is currently exposed to the risk of extinction, as expatriates tend to neglect its traditions and a growing number of Yazidis are leaving Syria to escape radical Islamists. On the other hand, most Kurdish parties seem to bank on the revitalization of the Yazidi identity in order to back historical land claims and belittle the Islamization of Kurds, as part of an opposition to Islamist brigades.

http://www.al-monitor.com/pulse/ar/contents/articles/originals/2013/10/syria-yazidi-minorities-kurds.html

Categories: Iraq, Kurdistan, Syria | Tags: , , , , , , , , | Leave a comment

Domenico Quirico e l’orientalismo facile sull’onda emotiva

Un paio di riflessioni suscitate in me dal reportage pubblicato su La Stampa, in seguito alla liberazione di Domenico Quirico. Con tutto il rispetto per la lunga esperienza di Quirico e la sua terribile prigionia, ritengo che alcuni passaggi (forse scritti a caldo) se li sarebbe potuti risparmiare. Per un pubblico italiano abituato a sentir parlare di Siria quando gli Americani intendono bombardare e quando un giornalista famoso viene liberato dai suoi rapitori, le parole di Quirico rappresentano una delle poche preziose fonti d’informazione. In questo caso mi sembra che il lungo articolo comparso su La Stampa, al di là dell’indubbio talento narrativo di Quirico, sia un pastone di stereotipi orientalisti e riproposizione di uno scontro di civiltà cristiano-musulmano che ha poco o nulla a che vedere con la rivoluzione siriana.

Riprendendo alcuni passaggi:

“Erano dei ferventi islamisti che pregavano cinque volte al giorno il loro Dio in modo flautato e dotto”

Continuare a ripetere il LORO Dio nel corso di tutto l’articolo come a sottolineare che quello non sarà mai il tuo Dio, per avvalorare la tesi di un inconciliabile disparità tra le fedi. Sorvolo su come Quirico possa capire che lo pregano in modo “flautato e dotto”, non conoscendo l’arabo…

“Nessuno ha avuto verso di me una manifestazione di quella che noi chiamiamo pietà, misericordia, compassione. Persino i vecchi e i bambini hanno cercato di farci del male. Lo dico forse in termini un po’ troppo etici, ma veramente in Siria io ho incontrato il paese del Male.”

Il Paese del Male? Ma forse hai incontrato le persone sbagliate, no? Personalmente, in Siria, come in molti altri contesti mediorientali ho quasi sempre riscontrato un’ospitalità immensa, lontana dalla ponderata “misura” dei favori elargiti in contesto occidentale. Al momento mi trovo ospite di una famiglia siriana da quattro mesi, è come se fossi uno dei loro figli. Non sarebbe il caso di contestualizzare, sottolineare che si tratta di gruppi armati e non omologare tutto il popolo siriano, donne e bambini compresi, sotto una definizione sentenziosa di “Paese del Male”?

“oppure una terribile forma di lotta praticata nei paesi arabi in cui tutto è permesso… “

Eh sì, ci ha preso proprio gusto, perché non aggiungere che un tagliagole è spuntato all’orizzonte in groppa a un cammello?

“È la storia di due cristiani nel mondo di Maometto e del confronto di due diverse fedi: la mia fede semplice, che è darsi, è amore, e la loro fede che è rito.”

La Siria è il mondo di Maometto? Quindi alcuni gruppi armati di ferventi islamici riducono un Paese caratterizzato dalla varietà etnico-confessionale a una “terra di Maometto”? I cristiani, gli alauiti, i curdi, i drusi sono tutti abitanti della terra di Maometto, senza nessuna distinzione?

Mi stupisco che Quirico non sia al corrente del fatto che nell’Islam non esista solo la componente rituale e che la particolare interpretazione di questa religione di cui si fanno promotori questi gruppi armati non è condivisa da tutti i musulmani. Il messaggio che passa è la solita contrapposizione tra cristianesimo e Islam, omologato sotto un’aurea fondamentalista, senza sfumature. Quirico uomo di Dio portatore di un messaggio d’amore e il bruto saladino con la sua religione predicata a suon di kalashnikov. Mi tornano in mente i commenti dei lettori delle varie testate italiane all’annuncio della morte di Vittorio Arrigoni, della serie “vedi? chi gliel’ha fatto fare di andare ad aiutare i barbari, se tanto poi ti ricompensano in questa maniera.” Non penso le reazioni del lettore medio de La Stampa siano state molto diverse, specie di fronte a un inviato, Quirico, che annuncia di essersi recato in Siria per comprendere il dolore vivendolo in prima persona. “Guarda come l’hanno trattato e lui era lì per loro, i ribelli musulmani…che bestie.”

Per una volta, non è possibile rinunciare al fascino del determinismo culturale e osservare i rapitori per quello che sono: dei gruppi armati alla ricerca di soldi, tanto quanto le FARC colombiane e l’IRA nord-irlandese (in contesti a maggioranza cristiana)?

Categories: Syria | Tags: , , , , , , , , | 14 Comments

“Islam Obscured” by Daniel Varisco (by Estella Carpi – June 2012)

La mia recensione di uno dei libri migliori che abbia mai letto.

http://letturearabe.altervista.org/islam-obscured/

Islam obscured

Pubblicato il giugno 29, 2012 da letturearabe

D. M. Varisco, Islam obscured. The rhetoric of anthropological representation, Palgrave MacMillan, New York 2005.

Anche a distanza di ben sei anni, vale la pena recensire il testo dell’antropologo Americano Daniel Varisco, considerate l’urgenza attuale di de-cristallizzare i discorsi sull’Islam, particolarmente nel contesto accademico italiano.

Attraverso una rassegna concettuale di eminenti studiosi tra i quali Ernest Gellner e Clifford Geertz, e la de-mitizzazione della sociologa marocchina Fatima Mernissi che ancora pecca di una visione monolitica dell’Islam, Varisco riesce totalmente, a mio avviso, nell’intento di decostruire il solo Islam univoco, omogeneo, aspettatamente coerente e destoricizzato che ci viene rifilato.

L’Islam che definirei “monolitico” tuttora pervade i discorsi dei più esperti: Varisco, attraverso il suo background squisitamente antropologico, invoca invece all’osservazionedegli individui che si auto-definiscono “musulmani”, piuttosto che alla catalogazione di ciò che l’Islam teologicamente prevede. L’Islam, come qualsiasi altra religione intesa sia come istituzione che pratica culturale, può soltanto essere rappresentato.

Per demolire le tuttora ancor troppo diffuse stagnazioni dogmatiche e una comprensione campanilistica dell’Islam, è quindi necessario, sostiene Varisco, tener conto del fatto che additiamo costantemente ai misfatti compiuti dai musulmani con maggior indignazione, in riflesso appunto alla nostra lettura dell’Islam, inteso come insieme di valori e pratiche rigorosamente coerenti, rispetto a qualsiasi altra religione.

I musulmani sono invece “conservatori o comunisti, maschi o femmine, giovani e vecchi, ricchi e poveri, di buon umore o mal intenzionati”, che poco hanno a che fare con una logica islamica del “prendere o lasciare”, quale invece ampiamente diffusa nella letteratura al riguardo.

A dimostrazione del fatto che la sola lunga storia della fede islamica sia stata essenzializzata in ideal-tipi, Varisco sarcasticamente ci chiede se abbiamo per caso mai letto libri dal titolo “Il Cristianesimo osservato” o “Aldilà del pane e del vino”.

Il suo rifiuto categorico di avanzare un ulteriore modello, seppur variegato, di Islam, epistemologicamente risparmia all’antropologia di sfornare ulteriori categorie improduttive su di esso.

“Che senso ha parlare specificamente di una “sessualità cristiana”, o qualcosa di assurdo come l’“ordine sociale ebreo”? Ebrei e cristiani agiscono forse come meri cloni di una visione totalizzante e universalmente valida di sessualità, aldilà di ogni contesto sociale?” Le questioni sollevate da Varisco risultano di estrema importanza per riconoscere come i musulmani differiscano non solo individualmente, ma anche culturalmente.

Con il potenziale sovversivo che l’antropologia, per sua natura, offre in modo particolare, Varisco ricorda all’occidentale orientalista o all’orientale auto-orientalista od occidentalista che l’Islam dev’essere scoperto e analizzato non solo come sistema di credenze, ma soprattutto come dinamica comportamentale e relazionale in un suo specifico ambiente culturale.

Le attuali interpretazioni confessionalizzanti dei cambiamenti sociali attuali in Medio Oriente, chiamano con forza l’importanza di tradurre e diffondere questo testo di Varisco in lingua italiana.

Solo con la denaturalizzazione dell’Islam sarà possible effettuare una graduale, nonché faticosa, decolonizzazione concettuale del mondo musulmano e delle sue molteplici soggettività.

“Quando studio il comportamento musulmano, non vedo altro che individui che negoziano le loro proprie identità in contesti in cronico cambiamento”, specifica l’autore. Varisco non cede alla tentazione seducente di svendere facili verità, ed esplora ampiamente con fare leggero, umano, psicologicamente spesso e ilare insieme, come soltanto chi è musulmano può osservare l’Islam. A tutti gli altri, antropologi inclusi, non resta che rappresentare le loro rappresentazioni.

La lettura di Varisco, infine, si delinea a mio avviso come un dovere morale in particolare per coloro che si professano attuali guardiani della Conoscenza e fieri promotori di ecumenismi religiosi e culturali tesi alla “Fratellanza” (a quando la “Sorellanza”?).

“It is the character of lived experience I want to explore, not the nature of man”.
(M. Jackson)

E. Carpi

Categories: Book Reviews | Tags: , , , | Leave a comment

Identity processes and linguistic stereotipisation in EU (by Estella Carpi – December 2009)

http://ec.europa.eu/italia/newsletters/milano/our_publications/n.140-16-12_it.htm

L’Europa vista dai giovani

Prospettive etiche ed emiche: dogmi e miraggi. Uno sguardo alla lingua.

E’ il 10 novembre 2009, passeggiando a Fes, in Marocco, con un’amica, accettiamo di seguire una giovanissima guida autoproclamatasi vero conoscitore della città con un fare disponibile ed affabile a cui sarebbe troppo difficile dire di no.

Ci soffermiamo davanti ad una moschea nella speranza di poterla visitare, ed ecco che ci dice che solo io, che fino a quel momento avevo conversato con lui in lingua araba, potrò farvi ingresso.

Una risposta semplice e spontanea che racchiude un’infinità di significati, che manifesta il potere straordinario della lingua di deciderci gli spazi che ci è dato occupare, e ci schiaffa addosso l’etichetta che davanti allo sguardo altrui siamo tenuti ad indossare necessariamente. Considerata musulmana, quindi, perché parlante la lingua araba.

Dopo quanto accaduto, perseguitata dalle mie manie antropologico-linguistiche, riflettevo sul potere immane della lingua e di come questa riesca davvero a delineare gli spazi tra la Dar al Islam e la Dar al Harb (secondo la classica distinzione operata dalla giurisprudenza islamica: la Casa dell’Islam, ovvero di chi è da sempre musulmano o si è convertito successivamente, e, con alcune limitazioni, di chi professa le altre due fedi monoteistiche; e la Casa della Guerra, cioè dell’Alterità, dell’appartenente a una fede diversa e del parlante una lingua ignota).

Che nella maggior parte dei Paesi musulmani, come spesso è stato detto, sia l’Islam che continui a costituire il criterio di lealtà e identità dei popoli arabi, non sono mai stata grandemente d’accordo, perché sarebbe davvero ignorare le altre innumerevoli facce confessionali della compagine mediorientale. Io assegnerei, piuttosto, il ruolo che viene riconosciuto proprio dell’Islam alla Lingua, naturalmente concepita nelle sue innumerevoli varianti dialettali.

Nonostante io pensi che non vi sia mai un elemento omogeneo che funga da matrice culturale coesiva, alla luce delle mie esperienze ritengo vero che attraverso l’Islam, come tramite qualsiasi altra fede in generale, passi spesso la distinzione tra sé e l’altro, tra chi sta dentro e chi sta fuori, tra “fratello” e “straniero”. E’ in questa dicotomia tra chi abbraccia una data fede e chi la rifiuta – e si “autocondanna” quindi ad impersonare il diverso – che si riscontra una ricorrente tendenza a delineare l’identità propria e più “autentica”. E mi chiedo quale sia il nostro di sostrato accomunante – e perché mai ci “debba” essere – che permette oggi al cittadino immigrato di subentrare all’italianità o all’europeità, e quando questi tratti accomunanti invece non siano sufficienti. La religione, la lingua, o l’etnia forse?? Mi parrebbero tutte asserzioni prive di senso… dal momento che, dal canto nostro, il cattolicesimo di alcuni sudamericani non è mai stato abbastanza fino ad ora affinchè riuscissimo a chiamarli toutcourt italiani, e non lo è mai stata neanche l’ottima produzione linguistica in lingua italiana di migliaia di “stranieri” d’origine; quanto all’etnia… mi domando davvero come si possa ancora pensare che tra un francese, un italiano ed uno slovacco vi sia una benedetta differenza biologica. E in particolar modo mi chiedo come quest’ultima, tra l’altro inesistente, possa essere utilizzata come criterio gerarchico ed etico in seno alle cose umane.

Parlare di “razza” come di qualcosa di incontaminato è un controsenso. Tutto è ibrido. Non integrato ma ibrido. “I frutti puri impazziscono”, sosteneva brillantemente Clifford. Eppure si continua a venderli come tali e a comprarli con la fame del segregazionismo purista e di una maniaca categorizzazione di esseri animati ed inanimati. I gruppi etnici sono il risultato di deviazioni ideologiche e invenzioni politiche fatte passare per differenze genetiche. Gli studi scientifici e culturali al riguardo sono “accertati” da tempo, eppure ancora informazioni così cruciali nel determinare i fondamenti epistemologici del nostro avvenire non sono affatto state diffuse, ed anzi accuratamente snobbate.

Tra i mali d’Europa oggi segnalano spesso l’anti-semitismo, e nella radice del termine, inflazionatissimo sui giornali, grazie a fior di linguisti e filologi scorgiamo il suo stesso paradosso: “gli Arabi sono antisemiti”; che significa quest’espressione se l’Arabo, assieme al Tigrino e all’Ebraico, fa parte delle lingue, secondo i libri “sacri” delle tre religioni monoteiste, appunto semitiche (letteralmente discendenti da Sem, figlio di Noè)?

La paura del diverso induce ad usi traditori del linguaggio e fuorvianti, di cui oggi siamo davvero vittime e carnefici allo stesso tempo: non a caso i friulani chiamano “vent sclàf” (vento slavo) la bora, appioppando un’accezione negativa al popolo confinante. Ancora più illuminante nel denunciare il paradosso vigente nell’uso della parola è l’esempio di “andarsene senza salutare”, che in italiano viene identificato in un costume eticamente negativo assegnato ai britannici: “andarseneall’inglese”. Mi sono personalmente divertita alquanto poi nello scoprire che i britannici, a loro volta, appioppano quest’uso ai francesi solendo dire “to take French leave”, così come i Tedeschi con il loro “Sich auf Franzosisch verabschieden”; e i Francesi ricambiano la cortesia ai Britannici dicendo “s’en aller à l’anglaise”.

Se solo ci ricordassimo più spesso che gli Inglesi ci chiamavano wopso accomunandoci a tutti gli altri popoli del Mediterraneo, e che quella sigla volesse dire “without official permission”, le nostre idee sull’immigrazione sarebbero fabbricate da una mano affondata nella terra ed una sulla fronte che ne asciuga il sudore, piuttosto che da una grondante di ipocrisia sulla bandiera e l’altra in segno di ALT.

Heinrich Boll evidenziava quanto le parole e le espressioni divenute “tipiche”, se lasciate in mano agli opportunisti e ai demagoghi senza coscienza, possano essere causa di morte di milioni di uomini. D’altronde anche io mi sto chiedendo se il senso del mio messaggio sia passato. E non a caso, per l’appunto, parlo Arabo.

Estella Carpi

 

Categories: North Africa | Tags: , , , , | Leave a comment

Blog at WordPress.com.

Exiled Razaniyyat

Personal observations of myself, others, states and exile.

Diario di Siria

Blog di Asmae Dachan "Scrivere per riscoprire il valore della vita umana"

YALLA SOURIYA

Update on Syria revolution -The other side of the coin ignored by the main stream news

ZANZANAGLOB

Sguardi Globali da una Finestra di Cucina al Ticinese

Salim Salamah's Blog

Stories & Tales about Syria and Tomorrow

invisiblearabs

Views on anthropological, social and political affairs in the Middle East

tabsir.net

Views on anthropological, social and political affairs in the Middle East

SiriaLibano

"... chi parte per Beirut e ha in tasca un miliardo..."

Tutto in 30 secondi

appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Anna Vanzan

Views on anthropological, social and political affairs in the Middle East

letturearabe di Jolanda Guardi

Ho sempre immaginato che il Paradiso fosse una sorta di biblioteca (J. L. Borges)