Posts Tagged With: EsercitoSirianoLibero

Clashes between Arabs and Kurds in Syria (October-November 2012)- Faida arabo-curda in Siria (ott-nov 2012)

The first piece (published on November 5, 2012) was written for Taz.die Tageszeitung It was translated in German, but I wrote in English, here’s the original version. I wrote it in early October upon my return from Iraqi Kurdistan, before clashes started between Arab and Kurdish factions in Northern Syria. 

L’ho anche tradotto in Italiano.

The second piece was published by The Majalla later on (Nov 26, 2012), when the clashes had already started. 

Syrian Kurds ready to fight Arabs once Asad is gone

By Andrea Glioti

ERBIL (Iraqi Kurdistan), 17 October 2012.

On July 11, the main Syrian Kurdish factions signed an agreement in Erbil to reassure Turkey of their peaceful aspirations and to reach unity for a possible confrontation with the Arab opposition’s Free Syrian Army (FSA), after the downfall of Bashar al-Asad. However, these two aims are likely to collide, being the FSA hosted and sponsored by Turkey. The risk of a transnational conflict is high and both Turkey and Syria have interests in provoking a conflict between Arabs and Kurds.

No trust in the (Arab) Free Syrian Army

The North-Eastern Kurdish areas in Syria are not anymore under the control of Damascus, despite the presence of security officials: the regime has prioritized the fight against the Arab opposition in the two main cities, Aleppo and Damascus, while allowing Kurdish parties to manage their regions.

The agreement sponsored by the President of the Iraqi Kurdistan Regional Government (KRG), Mas’ud Barzani, was thus signed in a critical phase of military escalation in the rest of Syria and led to the formation of the Kurdish Supreme Committee. Such a coalition is formed by the pro-Barzani (i.e. pro-Turkish) Kurdish National Council (KNC) and the Popular Council of Western Kurdistan (PCWK), the body comprising the PKK-proxy Democratic Union Party (PYD).

Even the more moderate KNC has no sympathy at all for the Arab Free Syrian Army. “Our [Kurdish] regions reject terror, hence the FSA cannot hide there,” affirms Nuri Brimo, head of KNC media and one of the signatories of the Erbil Agreement.  According to Brimo, the rapprochement with the PYD, despite skirmishes and different regional allegiances, was a consequence of the “chauvinist approach” of the Arab opposition with the Kurds, who were allegedly refused recognition as a people during the conference held in Cairo in July.

“We are not scared by the strength of the [Arab] opposition, but by its ideas, its dictatorial conduct,” adds Mohammad Rasho, the Ocalan-looking PCWK representative in Iraqi Kurdistan, who seems to hint at the PYD’s readiness to clash with the FSA.  Nuri Brimo is even more explicit: “24 hours after the downfall of the regime, the language will be a different one from the peaceful adopted so far [by the Kurds]: if we need to, we will get ready to fight and defend our regions.”

Syrian Kurds are already ahead in their preparation: the number of fighters trained in the two camps set up in January by Barzani’s Kurdistan Democratic Party (KDP) in the Iraqi Governorate of Duhok will reach soon 3700. Dilshad*, a 38-year-old Syrian from Qamishli, had previously joined the FSA, but he quit due to its “Islamist, racist behavior” against religious and ethnic minorities and joined the Kurdish training camp last February.  “We are trained in street guerrilla by the PKK in order to face the Free Syrian Army in the future,” whispers Dilshad over the phone, walking away from his companions to avoid being overheard.  The PKK was originally recruited to work under the surveillance of Barzani’s armed forces (peshmerga), however, the Kurdish internal divisions began to surface in the last days, when all the militiamen outside the control of the President were expelled from the camps. Dilshad informed me today that he was also forced to leave, adding that “the situation is changing and internal Kurdish strife might break out in Qamishli [A/N: strategic city in Syrian Kurdistan].”

Syrian and Turkish interference

The possibility of a confrontation between Kurdish and Arab opposition is clearly in the interests of the Syrian Government, who could hope to drag the PKK and Turkey in the conflict. As a matter of fact, Damascus is periodically interfering in the neighboring countries in an attempt to find salvation in the internationalization of the crisis.

The unprecedented suicidal bombing occurred in Qamishli on September 30 seems to confirm the Syrian role in fostering tensions between Arabs and Kurds. “The Syrian intelligence staged the explosion […] in order to convince Kurds that the Free Syrian Army entered Qamishli,” reveals Dlshad, the Syrian Kurdish military trainee. Damascus is also capable of exploiting its historical ties with the PYD-PKK, if it wishes to cause Kurdish-Arab strife.

For what concerns Turkey, both the Iraqi and Syrian Kurdish parties are aware that Ankara is watching closely their moves, therefore even Barzani’s KDP prefers denying the existence of the military camp where Syrian Kurds are trained by the PKK.  “There is only the Domiz refugee camp and we didn’t set up any military camp,” says Abdul-Wahhab ‘Ali, the KDP spokesperson in Sulaymanya, “during the Kurdish revolution in 1961, Kurdish fighters came [to Iraq] from Syria and Iran, they earned a very good military knowledge and settled down here.”

On the other hand, the Erbil Agreement seems conceived to tame factions hostile to Turkey like the PYD. “We bring the PYD to think like us and we want recognition from Europe that we tried to drag the PKK away from Syria and Iran,” states proudly Nuri Brimo. Even though there is no explicit reference to Ankara, such an agenda aimed at changing the Pkk’s stances cannot be considered unrelated to Turkish pressures. Turkey has also been reassured about the lack of separatist ambitions by the text of the agreement. However, the PYD predictably refuses to recognize it signed a deal to please Turkish interests. “Turkey is opposed to unifying Kurdish parties,” objects Mohammad Rasho, “[Turkish FM] Davutoglu came here and visited only the Kurdish National Council to create division at the time of the Erbil Agreement.” Ankara remains wary of an agreement including the PYD and, according to Rasho, military intervention would be preferred, if there was enough international support. “The buffer zone [Ankara talks about] aims at limiting the achievement of Kurdish rights and not at supporting the Syrian revolution”, claims Rasho, “there are confirmed Turkish demands from the FSA to attack the PYD.” In June, an allegedly leaked document from the Turkish consulate in Erbil has been spread by the pro-PKK Firat News Agency to prove the Turkish attempts to bring the Syrian Kurdish regions under the FSA control. According to this reading of the situation, Turkey is pursuing a parallel agenda to the Erbil Agreement, based on backing the Arab opposition against the Kurdish factions hostile to Ankara.

Under these premises, Kurds risk to see the fight to defend their territories turned again into a greater conflict serving the interests of other actors. Remember all the Gulf Wars.

*A pseudonym has been used for security reasons.

 

Siria: una volta caduto Asad, ci si prepara per la faida curdo-araba

 

Di Andrea Glioti

 

ERBIL (Kurdistan Iracheno), 7 Ottobre 2012

 

L’undici luglio scorso, il Presidente del Governo Regionale del Kurdistan (Grk), Mas’ud Barzani, è riuscito a riconciliare le maggiori fazioni curdo-siriane, il Consiglio Nazionale Curdo (Cnc), vicino alla Turchia e a Barzani stesso, e il Consiglio Popolare del Kurdistan Occidentale (Cpko), comprendente l’ala siriana del Pkk, il Partito dell’Unione Democratica (Pud). Un accordo è stato firmato a Erbil, dando vita al Comitato Supremo Curdo (Csc).

Le regioni curde nord-orientali della Siria non sono più sotto il controllo di Damasco, nonostante la presenza degli ufficiali delle forze di sicurezza: il regime ha dato la priorità alla battaglia contro l’opposizione araba nelle due maggiori città, Aleppo e Damasco, finendo per concedere ai partiti curdi di gestire le loro roccaforti.

L’accordo di Erbil tutela da una parte gli interessi turchi e dall’altra unifica gli schieramenti curdi in vista di un possibile scontro con la maggiore formazione armata dell’opposizione araba, l’Esercito Libero Siriano (Esl), all’indomani della caduta del regime di Asad. Tuttavia, questi due obiettivi non sono di certo compatibili e la precaria stabilità conseguita nelle regioni curde rischia di saltare da un momento all’altro, se si considera che l’Esl riceve supporto logistico e militare proprio dalla Turchia. Il rischio di un conflitto internazionale rimane alto, anche perché Turchia e Siria potrebbero trarre vantaggio dallo scoppio delle ostilità arabo-curde.

 

Nessuna fiducia nell’Esercito Libero Siriano (Arabo)

 

Persino il più moderato Consiglio Nazionale Curdo non ha alcuna simpatia per l’Esl. “Le nostre regioni [curde] ripudiano il terrorismo, di conseguenza l’Esl non vi si può nascondere,” afferma Nuri Brimo, responsabile dei media del Cnc e uno dei firmatari dell’accordo di Erbil. Stando alle sue parole, il riavvicinamento con il Partito dell’Unione Democratica, a dispetto degli scontri violenti e delle diverse alleanze regionali, è stato una conseguenza dell’ “atteggiamento sciovinista” dell’opposizione araba nei confronti dei curdi, ai quali è stato negato il riconoscimento come popolo durante la conferenza tenutasi al Cairo a inizio luglio.

 

“Non temiamo la forza dell’opposizione araba, ma le sue idee, il suo comportamento dittatoriale,” aggiunge Mohammad Rasho, il rappresentante del Consiglio Popolare del Kurdistan Occidentale nel Kurdistan iracheno, che esibisce dei folti baffi neri degni del suo mentore Abdullah “Apo” Ocalan. Rasho sembra pertanto alludere alla preparazione militare del Pud in caso di scontri con l’Esl. Nuri Brimo è addirittura più esplicito: “24 ore dopo la caduta del regime, sarà tutto un’altro discorso rispetto al pacifismo adottato finora [dai curdi]: se ne avremo bisogno, ci prepareremo a combattere e difendere le nostre regioni.”

I curdi siriani si stanno già preparando:  il numero di combattenti addestrati nei due campi allestiti a gennaio dal Partito Democratico del Kurdistan (PDK) di Barzani nel governatorato di Duhok raggiungerà presto i 3700 effettivi. Dlshad*, un siriano trentottenne di Qamishli, racconta di aver militato nell’Esl, per poi abbandonarlo a causa del suo “comportamento islamico e razzista” nei confronti delle minoranze etniche e religiose. Da febbraio si trova nel campo di addestramento curdo, dove i miliziani del PKK mettono a disposizione la loro esperienza, sotto la sorveglianza delle forze armate (peshmerga) di Barzani. Al telefono Dlshad parla sotto voce, dopo essersi allontanato dai suoi commilitoni per evitare di essere udito: “Veniamo addestrati per la guerriglia urbana dal PKK, al fine di affrontare l’Esl nel futuro.

Se si intromettono la Siria e la Turchia…

Il possibile scontro tra opposizione araba e curda è chiaramente negli interessi del governo siriano, che spera di trascinare il Pkk e la Turchia nel conflitto. Di fatto, l’esercito siriano continua a sconfinare nei Paesi vicini alla ricerca di una via di salvezza nell’internazionalizzazione della crisi.

Anche l’attentato suicida verificatosi per la prima volta a Qamishli (Kurdistan siriano) il 30 settembre sembra confermare il ruolo siriano nell’alimentare tensioni tra arabi e curdi. “L’intelligence siriana ha orchestrato l’esplosione […] per far credere ai curdi che l’Esercito Libero sia entrato a Qamishli,” rivela il miliziano Dlshad. Damasco è inoltre in grado di sfruttare i suoi legami storici con il Pkk-Pud, fondati sul contenimento della Turchia, per istigare un conflitto arabo-curdo.

Per quanto riguarda invece la Turchia, tutti i partiti curdi iracheni e siriani avvertono benissimo lo sguardo di Ankara sulle loro mosse, motivo per cui il Pdk di Barzani preferisce negare l’esistenza del suddetto campo militare coogestito con il Pkk. “Esiste solo il campo profughi di Domiz e non abbiamo allestito nessun accampamento militare,” afferma ‘Abdul-Wahhab ‘Ali, portavoce del Pdk a Sulaymanya, “durante la rivoluzione curda del ’61, i combattenti curdi sono arrivati [in Iraq] da Siria e Iran, hanno acquisito ottime competenze militari e si sono stabiliti qui.”

D’altra parte, l’accordo di Erbil sembra concepito per tenere sotto controllo le fazioni curde ostili ad Ankara come il Pud. “Facciamo in modo che il Pud la pensi come noi e vogliamo che l’Europa ci riconosca il merito di aver tentato di allontanare il Pkk da Siria e Iran,” afferma orgogliosamente Nuri Brimo del Consiglio Nazionale Curdo. Il riferimento non è esplicitamente alla Turchia, ma non si può certo escludere un nesso tra Ankara e un simile proposito di “addomesticamento” del Pkk. Senza dimenticare che la Turchia è stata rassicurata sull’assenza di ambizioni separatiste dal testo stesso dell’accordo.

Abbastanza prevedibilmente, il Pud si rifiuta di ammetter di aver firmato un patto in cui abbiano messo mano i turchi. “La Turchia è contraria all’unificazione dei partiti curdi,” obietta Mohammad Rasho, “ai tempi dell’accordo di Erbil, [il Ministro degli Esteri turco] Davutoglu è stato qui e ha visitato solamente il Consiglio Nazionale Curdo per creare divisione.” Non vi è dubbio che Ankara rimanga diffidente su un accordo che include il Pud e, secondo Rasho, opterebbe per un intervento militare, se solo esistesse il sostegno internazionale necessario. “La zona cuscinetto [a cui fa riferimento la Turchia] è finalizzata a limitare la conquista dei diritti curdi e non a supportare la rivoluzione siriana,” afferma Rasho, “esistono richieste confermate da parte della Turchia, affinché l’Esercito Libero attacchi il Pud.” A giugno, l’agenzia stampa vicina al Pkk, Firat News Agency, ha diffuso un documento presumibilmente trapelato dal consolato turco di Erbil, volto a dimostrare i tentativi di Ankara di portare le regioni curde sotto il controllo dell’Esl, tramite la mediazione di alcune figure politiche curdo-siriane. Secondo questa lettura della situazione, la Turchia starebbe lavorando su un piano parallelo all’accordo di Erbil e finalizzato al supporto dell’opposizione araba contro le fazioni curde ostili ad Ankara.

Con delle simili premesse, i curdi rischiano ancora una volta di vedere la lotta per la difesa dei loro territori trasformata in un conflitto più esteso al servizio degli interessi altrui. Si ricordino le tre guerre del Golfo.

 

*Pseudonimo utilizzato per ragioni di sicurezza

The Second Syrian Front: Arabs and Kurds

In the latest development in Syria’s unrest, Arab and Kurdish opposition groups are battling over the Kurdish territories in Syria’s North-East. The Kurds themselves are far from a united front, with different militia groups competing over control of Kurdish towns.

Turkey_vs_kurds
For several months now, the north-eastern, Kurdish areas of Syria have been shaking off the control of Damascus despite the continued presence of security officials. The Syrian government has prioritized the fight against the Arab opposition in Aleppo and Damascus, whilst Kurdish parties have been allowed to gain ground in their regions. This unwritten agreement between the Baathist government and the main Kurdish militia, a proxy for the Turkish Kurdistan Worker’s Party (PKK) called the Democratic Union Party (PYD), has not gone unnoticed by some factions of the Arab opposition, culminating in clashes between the Arabs and the Kurds during the last month. The main group of Syrian Arab insurgents, the Free Syrian Army (FSA), is sponsored by Turkey. The risk of a transnational conflict is becoming an ever more likely scenario, and both Ankara and Damascus can reap benefits from provoking Arab–Kurdish strife.

On 26 October, an armed Arab opposition group sought to deploy in Al-Ashrafiyeh, one of Aleppo’s Kurdish neighborhoods, despite the resistance from residents hoping to preserve security. Instead, the Syrian government shelled the quarter, targeting Arab militias, and nine Kurds were killed. The military attack ignited a cycle of reprisals on both sides as the PYD stepped in to defend Kurdish residents. On 19 November, Arab–Kurdish clashes followed the same script in the frontier town of Ras Al-Ayn, where the entrance of Arab rebels brought about another government offensive. The local head of the People’s Council of Western Kurdistan (PCWK)—the Syrian body comprising the PYD—was assassinated on the same day by Arab militiamen.

In between these two episodes, five others have fallen victim to clashes between the PYD and the Islamist Northern Storm Brigade, after the latter allegedly attacked members of the Kurdish Yazidi religious minority in the countryside of Aleppo. Most of the Arab militias blamed for attacks on Kurds are Islamic hardliners such as the Al-Nusra Front, Ghuraba’ Al-Sham, and Jund Al-Sham. The Islamist bent amongst certain Arab opposition groups has made members of the Kurdish community wary to join their cause. Dilshad,* a 38-year-old Kurd from Qamishli, quit the FSA to join Kurdish military training camps along the Iraqi border due to what he considers to be the FSA’s “Islamist, racist behavior” against religious and ethnic minorities.

However, the nebulous structure of the Free Syrian Army means that any direct links between the FSA and radical groups cannot be ascertained. On 19 November, the PYD media representative ruled out any connection between the FSA and the Islamist perpetrators of the PCWK assassination in Ras Al-Ayn. Nonetheless, the PCWK official spokesperson accused snipers of belonging to the Free Syrian Army.

In the Kurdish arms race, Iraqi–Kurdish media outlets have argued that the pro-Western Kurdish National Council (KNC), the other main Syrian–Kurdish formation, may lose ground in favor of the more militarized PYD. However, the KNC has the military backing of its main sponsor, the pro-Turkish President of Iraqi Kurdistan, Massoud Barzani, to fill this gap. “On November 28, between 1,500 and 3,000 Syrian fighters trained by Barzani’s peshmergas (armed forces) will enter Syria from Iraq,” said Dilshad, although it remains to be seen whether Syrian peshmerga boots will arrive on the ground.

“The new Syrian peshmergas won’t cooperate with the PKK, they will stick to those cities where the PYD is weaker, like Al-Malikiyah and Qamishli,” continues Dilshad. Syrian–Kurdish unity appears a distant prospect, especially after the Erbil Agreement signed on 11 July between the KNC and the PYD proved to be a farce. On 29 October, the two main parties met in Erbil to discuss a shared response to the Arab–Kurdish clashes, but the summit proved unfruitful. Half-baked negotiations are in the making for the establishment of a joint Kurdish army, but divisions continue to mar efforts towards a united front.

Nevertheless, a shared enemy in the Arab opposition is perhaps the most powerful unifying force, since even the moderate KNC has no sympathy for the Free Syrian Army. “Our [Kurdish] regions reject terror, hence the FSA cannot hide there,” affirms Nuri Brimo, the head of KNC media. “If we need to, we will get ready to fight and defend our territories.”

Regardless of party politics, the growing militarization will reduce the space for peaceful Kurdish youth committees, who are not willing to “sacrifice” their revolution for an ethnic conflict. They are likely to be overrun by militias, just like their Arab counterparts.

The possibility of a confrontation between the Kurdish and Arab opposition is clearly in the interests of the Syrian government, who could hope to drag the PKK and Turkey into the conflict in an attempt to find salvation in the internationalization of the crisis.

Regarding Ankara’s moves, “there are confirmed Turkish demands to the FSA to attack the PYD,” claims Mohammad Rasho, a PCWK representative in Iraqi Kurdistan. Last June, an allegedly leaked document originating from the Turkish consulate in Erbil was distributed by the pro-PKK Firat News Agency, advertising the Turkish attempts to bring Syria’s Kurdish region under FSA control. “The Turkish government is aware that four high-ranking PKK officials have just entered Syria,” explains the military trainee, Dilshad, “and the PKK agenda is a region independent from ‘the Syrian entity.’”

Given these premises, Kurds are likely to see the fight to defend their territories turned into a greater conflict serving the interests of other actors: a flashback to all three previous Gulf Wars in Iraq.

*A pseudonym has been used for security reasons.

Advertisements
Categories: Iraq, Kurdistan, Syria | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Manaf Tlass and the myth of the ‘transition man’

Pezzo pubblicato per la TMNews sulla diserzione del generale siriano Manaf Tlass.

Siria/ Il generale Tlass sarà l’uomo della transizione?

Amico di infanzia di Assad, sunnita, lavora da ‘esilio’ a Parigi

Di Andrea Glioti 

Roma, 6 ago. (TMNews) – Il 5 luglio scorso il generale di brigata Manaf Tlass, figlio del sempiterno Ministro della Difesa Mustafa Tlass (1972-2002), ha annunciato la sua diserzione dal regime dell’amico Bashar al-Assad. Si è trattato dell’abbandono più importante dall’inizio della rivoluzione, non tanto per il rango di Tlass, ma per l’intimità che lo legava al Presidente. Il 24 luglio, durante il suo primo discorso trasmesso dall’emittente saudita Al-Arabiya, Tlass ha annunciato di voler contribuire alla costruzione della Siria del dopo-Assad.

Non stupisce l’interesse dei media per questo fascinoso generale brizzolato dalla camicia sbottonata, il cui aspetto ricorda più Che Guevara che le uniformi ingessate della gerarchia militare siriana. Tlass si rivolge ai siriani dal suo dorato esilio parigino, ma resta da appurare se abbia davvero le credenziali per guidare una fase di transizione e se l’opposizione sia disposta ad accettarlo.

 

Carte in regola

 

In quanto a buoni contatti con i salotti della politica internazionale, Tlass ha tutti i requisiti. La sorella Nahed ‘Ojjeh fa parte dell’alta società parigina ed è rimasta vedova di un miliardario venditore d’armi saudita. L’Arabia Saudita e il suo supporto finanziario agli armamenti dell’Esercito Libero Siriano dell’opposizione possono fungere da trampolino per l’affermazione di Tlass presso gli ambienti della resistenza armata. Dal canto suo, il generale non ha perso tempo nell’ingraziarsi gli sponsor della rivoluzione siriana: dopo il pellegrinaggio minore (‘umrah) compiuto alla Mecca per aumentare la sua credibilità come leader sunnita, il 1 agosto si è recato a Istanbul per rompere il digiuno del Ramadan in compagnia dei funzionari turchi. 

Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, la Casa Bianca starebbe conducendo delle trattative con i Governi arabi al fine di porre Tlass al centro di una fase di transizione. Come fa notare il fondatore dell’Arab Studies Journal, Bassam Haddad, non bisogna dimenticare che la generazione agiata a cui appartiene il generale (che è nato nel 1963) non ha mai combattuto una guerra contro Israele ed ha ereditato un antisionismo molto più malleabile. E di questo gli Stati Uniti sono pienamente consapevoli. 

Malvisto dall’opposizione 

Ma come era prevedibile, Tlass non ha tardato a suscitare le critiche di parte dell’opposizione. I Fratelli Musulmani, tramite la loro voce più intransigente, l’ex-leader Ali Sadraddin Bayanuni, hanno fatto sapere di rifiutare un ruolo di Tlass nella transizione, memori delle nefandezze commesse dal padre Mustafa nei loro confronti. Lo stesso Manaf, ricorda la scrittrice siriana Salma Idilbi, giocò un ruolo fondamentale nell’ “addomesticare” le voci degli intellettuali siriani della Primavera di Damasco (2000).(segue)

0726-Turkey-Syria-Manaf-Tlass_full_600

 

## Siria/ Il generale Tlass sarà l’uomo della transizione? -2-

 

‘Colomba’ emarginata ben vista dagli Usa o ultima carta regime?

 

Roma, 6 ago. (TMNews) – Il generale Tlass è stato indiscutibilmente parte dell’apparato repressivo, ma le critiche dell’opposizione siriana non hanno risparmiato nessuno dei suoi leader dall’inizio della rivoluzione: e proprio questa frammentazione avrebbe spinto “Gli Amici della Siria”, il gruppo di Paesi raccoltisi a supporto dei rivoluzionari, a puntare su Tlass. Chi accetta la figura del generale, come lo storico dissidente Michel Kilo, ne apprezza la propensione per la soluzione politica della crisi, che ne avrebbe determinato l’emarginazione a Damasco. Secondo l’ultimo rapporto pubblicato dall’International Crisis Group (ICG), Tlass si era adoperato per raggiungere degli accordi su scala locale nelle prime fasi della rivolta, ma i suoi sforzi erano stati vanificati dall’ostracismo di altri elementi del regime decisi ad adottare il pugno di ferro. L’ICG fa quindi notare come, storicamente, i funzionari baathisti emarginati tendano a cercare di riacquisire i favori delle elités, una volta riassorbitasi la crisi del momento: il fatto che Tlass abbia abbandonato la Siria sarebbe quindi un segnale di un punto di non ritorno.

Il ricercatore esperto di Siria, Joshua Landis, ha scritto sul suo blog Syria Comment che, a prescindere dall’accettazione dell’opposizione, le classi medio-alte urbanizzate, rimaste silenziose durante la rivoluzione, preferiranno un personaggio laico e benestante come Tlass ai vari comandanti dell’Esercito Siriano Libero. Il generale sarebbe in grado di difenderle dalla rabbia dei rivoluzionari delle campagne e questo genere di garanzie sono già state fornite dal primo discorso trasmesso da Al-Arabiya. Tuttavia, il protrarsi del conflitto e l’ascesa delle milizie in Siria rischia di marginalizzare Tlass e i dissidenti all’estero in generale: in un contesto militarizzato, saranno le armi a decidere la portata della rivoluzione sociale e la sorte delle classi agiate.

Diserzione a tavolino

Gli scettici sottolineano come Tlass non avesse ormai alcun peso nell’establishment siriano: il comando della 105esima divisione della Guardia Repubblicana gli era stato revocato già un anno fa, a causa della sua opposizione alla repressione, relegandolo quasi agli arresti domiciliari. In realtà, l’ipotesi dell’emarginazione è molto più rassicurante della sua antitesi. La stampa turca (Sabah) fa notare che Tlass non avrebbe mai abbandonato il Paese senza il consenso di Assad, il quale potrebbe averlo incaricato di mediare una transizione per conto del regime. Lo stesso discorso del generale del 24 luglio non contiene alcun riferimento esplicito alle dimissioni di Assad e Damasco potrebbe aver optato per un’apertura diplomatica parallela alla repressione in corso. Forse non è un caso che, in un’intervista concessa al quotidiano As-Sharq al-Awsat, Tlass abbia sminuito le responsabilità del Presidente, accusando i vertici dei servizi di sicurezza di avergli confuso le idee.

 

A rendere il quadro post-rivoluzionario ancora più tetro, subentrano poi i presunti piani statunitensi incentrati sulla figura di Tlass. Sia la stampa turca che quella filo-siriana (il quotidiano libanese Al-Akhbar) menzionano un consiglio militare, sul modello egiziano, quale punto d’incontro delle visioni di Tlass e Washington sulla fase di transizione. I funzionari occidentali citati dal Wall Street Journal sottolineano la necessità di un personaggio capace di ristabilire la sicurezza e tenere sotto controllo gli armamenti chimici siriani. Il generale sembra avere tutti i requisiti per traghettare la rivoluzione siriana verso un “aborto” militarizzato, capace di riconciliare Casa Bianca e Cremlino e arrestare momentaneamente le violenze.

Categories: Syria | Tags: , , , , , , , | Leave a comment

Il ruolo dei pacifisti in Siria a fronte dell’escalation militare

Articolo pubblicato su Left-Avvenimenti. Riflessione sul ruolo della non-violenza in una Siria in cui ormai si parla solo di ‘guerra civile’, dimenticando l’esistenza di un movimento non-violento alla radice delle stesse rivendicazioni sfociate nella resistenza armata. 

Siria. La guerra dei pacifisti

di ANDREA GLIOTI

Tra gli attivisti siriani che combattono contro Assad ci sono ancora giovani che rifiutano le armi. «Chi imbraccia il fucile fa il gioco del regime, che vuole presentarsi al tavolo come una delle parti in conflitto»

1280px-Non-violence

Non è impossibile restare pacifisti in mezzo a una guerra. A 16 mesi dall’inizio della rivoluzione siriana, chi manifestava contro il regime è stato costretto dalla repressione governativa a imboccare la via della lotta armata, ma anche tra i più fieri oppositori di Bashar al Assad c’è chi non ha digerito il passaggio da Gandhi a Che Guevara.
Shadi Abu Karam di Sweida, nella Siria sud occidentale, e Rami Suleiman di Damasco rientrano in questa categoria. Shadi, il più giovane, sembra il prototipo del cyberattivista, impegnato ad aggiornare febbrilmente il suo “status” sui social network. Il trentenne Rami, invece, si presenta come un riflesso nostalgico della sinistra panarabista, tra barba incolta e nubi di fumo. A Beirut ovest ci raggiunge anche Nalin*, 27 anni, siriana di origini curde, che fa la spola tra la capitale libanese e Damasco per distribuire e raccogliere “fondi” per la rivoluzione. Con Tareq Abdul-Haqq, invece, bisogna parlare via skype. È un ventisettenne di Jisr as-Shughur, città della provincia conservatrice nord occidentale di Idlib, la più martoriata dalle truppe governative. Ho conosciuto Tareq nel campo profughi al confine turco-siriano, dove è impossibile incontrare qualcuno che non sostenga l’Esercito libero siriano (Esl), il principale gruppo di resistenza armata. Sempre tramite skype, si unisce a noi Abu Zayd, 35 anni, attivista palestinese del campo profughi damasceno di Yarmuk.

I rischi della lotta armata
«La paura che le armi non vengano deposte, una volta rovesciato il regime, esiste», ammette Shadi, ma sostiene anche che «molti civili hanno imbracciato le armi solo per difendersi e l’Esl svolge tuttora la funzione di proteggere i manifestanti». Tareq, ad esempio, sostiene di esser passato dalla videocamera al fucile per pura autodifesa. «Molti accettano di militare in falangi di orientamento fondamentalista non perché ne condividano le idee, ma per la violenza patita dalle loro famiglie», spiega la curda Nalin, che si dice assolutamente contraria alla resistenza armata. «All’esercito basta trovare una persona con una pistola per giustificare la repressione nelle forme più violente». Tareq, invece, non è più un pacifista. Oggi non riconosce alcun ruolo alla rivolta senza armi: «Non posso manifestare senza preoccuparmi della mia sicurezza». Eppure c’è ancora chi sostiene che la violenza possa pregiudicare l’esito di una rivoluzione. «Il partito Ba’th, che governa la Siria da 50 anni, prese il potere con un golpe militare, nel 1963. Non vogliamo che la storia si ripeta». Nalin fa riferimento a un episodio inquietante: una velata minaccia che l’Esl avrebbe rivolto a Rima Dali, la promotrice siriana del movimento nonviolento “Fermiamo le uccisioni”. L’Esercito di liberazione le avrebbe intimato di non diffondere le sue idee nelle aree controllate dai rivoluzionari.
«È vero che siamo entrati in una fase in cui l’Esl riceve aiuti in termini di armamenti, tant’è che i ribelli dispongono ormai di un arsenale competitivo – spiega Rami – ma a Damasco e Aleppo il movimento di resistenza civile riscuote un successo maggiore. E c’è anche un motivo strategico per combattere senza armi: non puoi lanciare in città lo stesso genere di operazioni militari compiute nelle campagne disabitate… Cosa vuoi fare a Damasco, bombardare l’autostrada di Mezzeh?!». Rami esclude categoricamente che la lotta armata possa riuscire a rovesciare il regime e sostiene che l’Esl non disponga ancora di un’artiglieria efficace sulla lunga distanza. «Con le loro armi puoi colpire dei posti di blocco, realizzare degli assassinii mirati, vincere mille battaglie, ma non la guerra».

La strategia degli attivisti 
Ma quali sarebbero quindi le potenzialità della società civile e dei metodi non-violenti? «Molti commercianti di Damasco e Aleppo si sono ritrovati ad aiutare gli sfollati di Homs (la città più devastata dalla repressione governativa, ndr) e in seguito si sono sviluppate nuove forme di solidarizzazione», spiega Shadi. Il 28 maggio, lo sciopero dei mercanti di Damasco ha riscosso adesioni su scala nazionale e la Camera di Commercio della capitale non è riuscita a imporre l’apertura dei negozi. Si tratta di una svolta epocale, se si pensa a come Hafez al-Asad, il padre di Bashar, fosse riuscito a placare un’iniziativa simile – in supporto dei moti islamici degli anni 80 – cooptando il Presidente della Camera di Commercio di allora.
Secondo Shadi, il movimento pacifista sta avendo un impatto sul cittadino medio, quello che non partecipa alle manifestazioni ma è ormai frustrato dalla crisi economica, dall’incapacità del governo di ristabilire la sicurezza con i suoi metodi sanguinari e da un servizio di leva che continua a falcidiare le vite dei più giovani. Ma secondo Rami il movimento pacifista soffre ancora di carenze strategiche e deve muoversi per “piccoli passi” verso l’obiettivo dell’occupazione delle piazze siriane. «Piccoli passi significa chiedere che dieci strade di Damasco vengano intitolate ai martiri caduti durante la rivoluzione, cosicché tutti, neutrali e lealisti compresi, tengano in considerazione quel nome». Al contrario, Tareq di Jisr as-Shughur non riconosce alcuna importanza al coinvolgimento dei cosiddetti segmenti “silenziosi” della società siriana: «Dopo un lasso così lungo di tempo, chiunque taccia di fronte ai crimini perpetrati dal regime è un lealista».
Rami, l’attivista damasceno, ritiene invece che la polarizzazione militare vada incontro agli interessi del regime, che ha più difficoltà a relazionarsi con movimenti pacifisti. Pur evitando di porre sullo stesso piano truppe governative e Esl, il palestinese Abu Zayd la pensa nello stesso modo: «L’obiettivo del regime è quello di trasformare il conflitto nella contrapposizione tra due fronti, per prolungare la sua permanenza al potere e imporre una soluzione all’interno della quale il governo sia una delle parti coinvolte, non un oppressore da processare».

Tra speranze e pessimismo
L’ottimismo di Rami, alla luce delle violenze siriane, è difficile da comprendere. Forse è dettato dalla percezione – da parte dei movimenti civili – di avere acquisito una maggiore influenza sulle organizzazioni politiche anti regime. «Noi giovani attivisti avevamo chiesto di rappresentare il 50 per cento dei partecipanti alla conferenza dell’opposizione al Cairo (2-3 luglio). Ci è stato concesso il 33 per cento, ma si tratta comunque di una vittoria – afferma entusiasta Rami – l’opposizione “tradizionale” sa di essere impotente senza di noi!». Abu Zayd è più disilluso, conscio di come gli interessi delle potenze coinvolte possano imporre scenari più militarizzati. «La comunità internazionale vuole la guerra civile per poi intervenire come garante della sicurezza dei confini israeliani – afferma il palestinese – il protrarsi del conflitto in Siria preserverà la sicurezza dello Stato ebraico proprio come durante la guerra civile libanese». Guerra tua, vita mea.

*alcuni nomi sono stati cambiati per ragioni di sicurezza

 

Categories: Syria | Tags: , , , , , , , , | Leave a comment

La Siria verso uno scenario libico?

Articolo pubblicato originariamente da Il Riformista il 17 novembre 2011. La seguente è la versione senza tagli e ritocchi della redazione.

La doppia escalation siriana: isolamento e rivolta armata. Come Tripoli?

Di Diego Caserio

khadafiForse oggi, 16 novembre 2011, a otto mesi dall’inizio della rivolta, il regime siriano é riuscito a materializzare le sue paure: si trova a fronteggiare una resistenza armata sufficientemente organizzata- l’Esercito Siriano Libero (ESL)- e le potenze regionali- la Lega Araba- hanno deciso di isolarlo, supportate dall’Occidente. Il Governo di Bashar al-Assad, nel tentativo di delegittimare le aspirazioni dei manifestanti, ha infatti continuamente sbandierato gli spauracchi del terrorismo e della cospirazione saudita-israelo-americana.

Dall’annuncio della formazione dell’ESL a luglio, le file dei disertori si sono ingrossate così come si sono intensificati gli attacchi sferrati contro l’esercito e le forze di sicurezza. Siamo passati dai video mostrati dalla televisione di stato siriana (As-Suriyya) ad aprile, dove si mostravano gruppi sparuti inscenare imboscate poco credibili, a una milizia organizzata di ribelli, capace di uccidere 34[1] soldati lealisti vicino a Dar’a e attaccare una sede dell’intelligence dell’aeronautica (Amn al-Jawyy) nei sobborghi di Damasco negli ultimi tre giorni. L’attacco alla sede dei servizi segreti dell’aeronautica, come fa notare l’opinionista del The Guardian Ian Black, ha un significato profondo agli occhi dei dissidenti, trattandosi di un organo fondamentale dell’apparato repressivo, storicamente collegato a Hafez al-Assad, padre dell’attuale Presidente e capo delle forze aeree prima del colpo di stato del ’68. Tuttavia, lo squilibrio delle forze in campo é ancora evidente, non é stata un’intera divisione (firqa) a defezionare, ma solo un gruppo eterogeneo: la maggioranza degli armamenti pesanti e dei vertici militari rimangono al fianco del regime. Lo scenario potrebbe essere ribaltato da un intervento turco in appoggio all’opposizione, dato che ormai da mesi ad Ankara si discute la creazione di una zona cuscinetto a sud del confine siriano, ma l’ipotesi resta minata dalle capacità di Damasco di replicare appoggiando le operazioni del PKK curdo in territorio turco.

Per quanto riguarda il “complotto,” nell’ottica di Damasco, questo sembra essersi concretizzato nella sospensione della Siria dalla Lega Araba, di cui si aspetta la formalizzazione mercoledì 16 in Marocco. Figure chiave dell’orbita saudita-americana come il Re di Giordania e l’ex-capo dell’intelligence di Riyadh, Turki al-Faysal, sono stati chiari: Assad é arrivato al capolinea. Quest’ultimo non ha escluso un intervento NATO in stile libico e il Segretario Generale della Lega Araba, Amin al-‘Arabi, ha detto che “tutto il possibile verrà fatto per fermare lo spargimento di sangue in Siria.” La diplomazia qatarina, vera protagonista della seconda fase delle “primavere arabe,” in virtù del potere mediatico di Al-Jazeera e dei rapporti cementati con i vari movimenti islamisti sunniti della regione, ha tessuto le trame dell’ultima decisione contro una Siria laica e legata all’asse sciita di Tehran.

La stessa Turchia, il secondo esercito all’interno della NATO, sembra essere passata alle vie di fatto in questa direzione e, dopo le lunghe filippiche rivolte dal Premier Erdogan ad Assad, ha sospeso le esplorazioni gasifere coordinate con la Siria e minaccia di tagliare i rifornimenti elettrici.

L’isolamento di Damasco é stato finora limitato dall’opposizione di Russia e Cina nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU, ma un ulteriore resistenza delle due potenze di fronte allla maggioranza dei Governi arabi, alla Turchia, e soprattutto alle petromonarchie del Golfo, potrebbe generare una situazione troppo pesante da sostenere.

La Lega Araba storicamente non ha mai avuto un grande peso politico, ma rischia di causare un “terremoto” regionale, per usare le parole di Bashar al-Assad, qualora la sospensione della Siria fosse da intendersi come preludio a un “opzione libica.” La Siria confina con Paesi estremamente instabili come il Libano e l’Iraq, che di fatti non hanno appoggiato la risoluzione della Lega Araba, timorosi di compromettere un’equilibrio politico interno fortemente condizionato dall’orbita siro-iraniana. Nell’ipotesi di un intervento NATO, i confini della Siria risulterebbero facilmente permeabili alle numerose milizie filo-iraniane- Hizbullah libanese in primis- provenienti da Libano e Iraq. Si rischierebbe di trasformare una legittima rivolta siriana in un conflitto regionale con il rischio di pericolose derive confessionali tra sciiti e sunniti.

Lo scenario é oltremodo tetro e le responsabilità sono tanto siriane quanto occidentali. Da parte siriana, i limiti sono evidenti, e principalmente individuabile nella resistenza ostinata ad aprire un dialogo significativo con l’opposizione. Sul fronte occidentale, il regime di Damasco andava isolato molto tempo prima, per evitarne il consolidamento e simili conseguenze. L’isolamento doveva essere motivato proprio con il disprezzo dei diritti umani esibito dalla Siria negli ultimi 40 anni, e non sulla base del cosiddetto “terrorismo” contro Israele. Al contrario, Damasco é stata riavvicinata dal blocco sovietico, promuovendo turismo europeo e relazioni commerciali con un regime immutato nella sua spietatezza. Basti pensare che, secondo la banca dati della CIA, l’Italia risulta il primo partner commerciale europeo della Siria. Qualche decennio fa, si sarebbero forse evitati i circa 4000 morti di quest mesi e l’ipotesi di un disastroso intervento NATO.


[1] Cifre fornite dall’Osservatorio Siriano sui Diritti Umani con sede a Londra.

Categories: Syria | Tags: , , , , , , , , , | Leave a comment

Blog at WordPress.com.

Exiled Razaniyyat

Personal observations of myself, others, states and exile.

Diario di Siria

Blog di Asmae Dachan "Scrivere per riscoprire il valore della vita umana"

YALLA SOURIYA

Update on Syria revolution -The other side of the coin ignored by the main stream news

ZANZANAGLOB

Sguardi Globali da una Finestra di Cucina al Ticinese

Salim Salamah's Blog

Stories & Tales about Syria and Tomorrow

invisiblearabs

Views on anthropological, social and political affairs in the Middle East

tabsir.net

Views on anthropological, social and political affairs in the Middle East

SiriaLibano

"... chi parte per Beirut e ha in tasca un miliardo..."

Tutto in 30 secondi

[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Anna Vanzan

Views on anthropological, social and political affairs in the Middle East

letturearabe di Jolanda Guardi

Ho sempre immaginato che il Paradiso fosse una sorta di biblioteca (J. L. Borges)