Quando il Sole è dato per scontato

black-windows_542931

Quando il sole è dato per scontato.

Quando il sole è dato per scontato,

il colore del mare e il colore della sabbia perdono la loro luminosità.

Quando il sole è dato per scontato,

si ignora come la città potrebbe apparire se ci si sedesse sul tetto di un grattacielo.

Quando il sole è dato per scontato,

i lavoratori migranti lottano tra di loro al mattino per ottenere un posto su un autobus.

I fiori piantati sui lati dei viali diventano invisibili.

I segni di saluto e di riconoscimento reciproco per strada svaniscono nell’anonimità dell’aria densamente sabbiosa.

Gli uscieri dallo stipendio squallido, nonostante tutto, sorridono ai passeggeri che scendono dai taxi.

Quando il sole è dato per scontato,

il fumo della shisha nelle caffetterie per famiglie “per bene” intossica le strade del quartiere della Miseria.

Quando il sole è dato per scontato,

la tua speranza impossibile è perdonare la vita iniqua che erutta fuori dalla finestra di casa.

Quando il sole è dato per scontato,

il tuo rifugio giornaliero dalla dolorosa coscienza dell’immediato è leggere di altrove e di alterità.

E quando arriva il fine settimana, c’è ancora il sole. Ma il cielo rimane grigio. E acquistare è ciò che ti resta da fare.

E se non vuoi comprare qualche cosa sotto il sole cocente, puoi solo pregare l’oblio di scendere a velare il desiderio di ciò che in realtà vorresti fare. E alla fine ti ritroverai ad acquistare qualcosa. Sotto il sole.

Mentre vivo sotto un sole implacabile, vorrei essere uno dei gamberetti rossi trascinati dalla rete del pescatore egiziano, abbandonata a un destino immaginabile.

Quando il sole è dato per scontato,

il capitale umano è in eterno appalto, e le forze del lavoratore vengono abusate.

Quando il sole è dato per scontato,

vantano la costruzione della Nazione, mentre le mani dei locali sono ancora vergini e lisce come seta.

Quando il sole è dato per scontato,

i documenti dei lavoratori vengono confiscate, perché i Padri della Nazione sanno bene cosa sia la libertà, e sanno come strapparla via.

Quando il sole è dato per scontato,

i locali soffrono di un paranoico abbandono perchè vengono regolarmente lasciati soli a gestire la mancanza locale di capitale umano.

Quando il sole è dato per scontato,

la tua speranza impossibile è perdonare la vita iniqua che erutta fuori dalla finestra di casa.

Nel paese del sole eterno,

molto è dato a chi possiede già; molto è strappato a chi già non ha.

Quando il sole è dato per scontato,

una mano d’aiuto è offerta per accertarsi che i miserabili restino nella loro miseria e conservare la loro distanza appassente.

Mentre vivo sotto il sole implacabile, vorrei essere un chicco di riso di kabsa, perso negli ossicini di montone sparsi su un piatto ovale decorato, avanzato su una ricca tavola che ospita l’ennesimo pasto dato per scontato, e gettato, senza sentimenti, nell’alto bidone di plastica della pattumiera in un ristorante climatizzato.

Mentre vivo sotto il sole implacabile, vorrei essere la manica finemente ricamata di una abaya nera, per essere appesa su un attaccapanni a fine giornata, e segretamente scoprire la bellezza della mente privata di colei che mi indossa.

Quando il sole è dato per scontato,

Ho paura. Perché le menti individuali sono inseparabili dalle strategie governative. E tali strategie restano ignote alla menti individuali.

Quando il sole è dato per scontato,

le personalità individuali restano un mistero inesplorabile.

Quando il sole è dato per scontato,

la tua speranza impossibile è perdonare la vita iniqua che erutta fuori dalla finestra di casa.

La tua speranza impossibile è perdonare la vita iniqua che erutta fuori dalla finestra di casa.

Advertisements
Categories: Uncategorized | Leave a comment

Post navigation

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Exiled Razaniyyat

Personal observations of myself, others, states and exile.

Diario di Siria

Blog di Asmae Dachan "Scrivere per riscoprire il valore della vita umana"

YALLA SOURIYA

Update on Syria revolution -The other side of the coin ignored by the main stream news

ZANZANAGLOB

Sguardi Globali da una Finestra di Cucina al Ticinese

Salim Salamah's Blog

Stories & Tales about Syria and Tomorrow

invisiblearabs

Views on anthropological, social and political affairs in the Middle East

tabsir.net

Views on anthropological, social and political affairs in the Middle East

SiriaLibano

"... chi parte per Beirut e ha in tasca un miliardo..."

Tutto in 30 secondi

Views on anthropological, social and political affairs in the Middle East

Anna Vanzan

Views on anthropological, social and political affairs in the Middle East

letturearabe di Jolanda Guardi

Ho sempre immaginato che il Paradiso fosse una sorta di biblioteca (J. L. Borges)

%d bloggers like this: