L’ignorata diversità sociale nei sobborghi meridionali di Beirut: dalla guerra di luglio 2006 a oggi (by Estella Carpi, March 2015)

IMG_0956

(View from Choueifat. Beirut’s southern suburbs. Photo taken by Estella Carpi, September 2012)

(Link all’articolo accademico: http://www.francoangeli.it/riviste/Scheda_Rivista.aspx?IDArticolo=53095&Tipo=Articolo+PDF&idRivista=58)

Dopo una rassegna della storia locale dei sobborghi a sud di Beirut (Dahiye), trascurati a lungo dallo stato centrale, questo studio vuole fornire approfondimenti sull’amministrazione locale del partito politico Hezbollah, che si dice abbia migliorato la vita in tale area in modo omogeneo, soprattutto dopo la guerra del 2006. Questo studio si basa su interviste e la tecnica etnografica dell’osservazione partecipante che l’autrice ha condotto da settembre 2011 a febbraio 2013 con le municipalità di Dahiye e i residenti locali. L’attenta amministrazione di Dahiye e il carattere selettivo della sua evoluzione urbana, ha finito per oscurare la crescente diversificazione demografica del territorio e la conseguente disomogenea vulnerabilità dei suoi abitanti. Gli esclusi che abitano Dahiye sono per lo più i rifugiati, immigrati di vecchia data, libanesi che non godono i collegamenti politici o, analogamente, residenti non direttamente colpiti dalla guerra. Inoltre, in questa sede si intende esplorare l’identità collettiva dell’area, ampiamente utilizzata dai governatori locali come strategia politica per mantenere coesione e consenso, ma che, de facto, non riflette la configurazione empirica delle periferie. Al fine di portare in luce l’ignorata diversità della vulnerabilità degli abitanti di Dahiye, l’autore esplora le percezioni dei locali e dei rifugiati stanziatisi in Dahiye che hanno vissuto la guerra di luglio 2006. Il processo arbitrario di omogeneizzazione compiuto dall’esterno tende tuttora a inficiare la conoscenza della diversità di Dahiye, ostacolando, in tal modo, una corretta comprensione di tale realtà sociale e delle sue nuove linee di esclusione.

Advertisements
Categories: Lebanon | Tags: , , , , , | Leave a comment

Post navigation

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Create a free website or blog at WordPress.com.

Exiled Razaniyyat

Personal observations of myself, others, states and exile.

Diario di Siria

Blog di Asmae Dachan "Scrivere per riscoprire il valore della vita umana"

YALLA SOURIYA

Update on Syria revolution -The other side of the coin ignored by the main stream news

ZANZANAGLOB

Sguardi Globali da una Finestra di Cucina al Ticinese

Salim Salamah's Blog

Stories & Tales about Syria and Tomorrow

invisiblearabs

Views on anthropological, social and political affairs in the Middle East

tabsir.net

Views on anthropological, social and political affairs in the Middle East

SiriaLibano

"... chi parte per Beirut e ha in tasca un miliardo..."

Tutto in 30 secondi

appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Anna Vanzan

Views on anthropological, social and political affairs in the Middle East

letturearabe di Jolanda Guardi

Ho sempre immaginato che il Paradiso fosse una sorta di biblioteca (J. L. Borges)

%d bloggers like this: